Banche venete. Berlato (FDI): chiediamo il commissariamento di Popolare di Vicenza e di Veneto Banca

Berlato_IMG_9579Mentre le difficoltà e le irregolarità delle banche venete continuano a conquistare le prime pagine dei giornali, Sergio Berlato (FdI-AN-MCR) interviene per chiarire il suo punto di vista, lanciando nel contempo delle proposte nuove a difesa delle famiglie, delle imprese e del territorio: “L’auspicio di cordate venete di industriali, artigiani, commercianti a sostegno degli aumenti di capitale della Banca Popolare di Vicenza e di Veneto Banca si potrebbe tradurre in una semplice chimera, in un risultato pari a zero: attenzione perché è solo fumo negli occhi, un po’ di pubblicità e propaganda a buon mercato se non fosse che ancora una volta si stanno prendendo in giro decine di migliaia di famiglie che avevano riposto tutta la loro fiducia su questi istituti e che invece ora sono vittime ignare di una truffa i cui autori sono pochi e ben evidenti a tutti”. La verità, per Berlato, è purtroppo che “queste banche sono già state vendute dagli attuali consigli di amministrazione – del tutto delegittimati – alle banche che ‘garantiranno’ gli aumenti di capitale e che difficilmente si faranno sfuggire questo enorme affare”.
“Ecco allora”, aggiunge il coordinatore regionale di Fratelli d’Italia, “che pare giunto il momento non più differibile in cu un problema sociale che investe drammaticamente un numero enorme di risparmiatori veneti privi di ogni forma di tutela venga assunto dalla politica e che essa trovi e proponga soluzioni tecniche e operative che da un lato salvaguardino quanto più possibile questi risparmiatori e dall’altro creino le condizioni per far nascere un nuovo istituto bancario espressione del nostro territorio, ancorché gestito secondo le migliori pratiche gestionali nazionali e internazionali”.
La proposta che Fratelli d’Italia del Veneto, in perfetta sintonia con le posizioni del partito a livello nazionale che saranno oggetto di prossime iniziative parlamentari, è dunque, dice Berlato, “quella di richiedere alla Banca Centrale Europea e alla Banca d’Italia di procedere al commissariamento di entrambe le banche popolari coinvolte in questo scandalo, così da consentire un processo di ristrutturazione aziendale ordinato come avvenuto in molte altre banche nonché nelle imprese industriali, in particolare di media grande dimensione”. Conclude Sergio Berlato, che già annuncia per martedì prossimo una conferenza stampa a Palazzo Ferro Fini per precisare i contenuti tecnici della sua proposta sulle banche venete in difficoltà: “Fratelli d’Italia suggerirà a tutti i soci attraverso una capillare campagna di informazione, in ipotesi di mancato commissariamento da parte delle Autorità di Vigilanza, di chiedere la convocazione di assemblee straordinarie o di far inserire all’ordine del giorno delle prossime assemblee la richiesta di Amministrazione Straordinaria così da bloccare un processo teso alla svendita del patrimonio di questi istituti di credito, già fortemente ridotto”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...