Violenza donne: Assessore Lanzarin, “preoccupa aumento reati, prossima convocazione tavolo regionale”

“La violenza contro le donne riflette il permanere di una cultura di disuguaglianza tra uomini e donne. Anche nella nostra società è un fenomeno che si rivela ancora  troppo diffuso e non solo limitato dentro le mura di casa o alle relazioni domestiche”. In concomitanza con l’inaugurazione dell’anno giudiziario e la relazione del presidente della Corte di Appello di Venezia che ha fotografato l’aumento dei  femminicidi in Veneto (da 17 a 21) e il permanere di reati a sfondo sessuale ((592 denunce nell’ultimo anno) e dello stalking (1033 denunce), l’assessore regionale al sociale Manuela Lanzarin intende convocare il tavolo regionale antiviolenza per mettere a punto le possibili strategie per prevenire e contrastare le violenze di genere.  Il tavolo regionale, rinnovato nei giorni scorsi con la nomina – da parte della Giunta regionale – di Marta Mogicato, Roberta Toffoli, Patrizia Maria Zantedeschi e Genny Giordano, responsabili di centri antiviolenza o di case di rifugio, e di Catia Morellato e Alessandra Dall’Arche, per la loro esperienza medica e nei servizi di pronto soccorso,  ha il compito di coordinare la rete delle strutture e delle associazioni antiviolenza e di formulare proposte per piani annuali di azione e di intervento, come previsto dalla legge regionale 5/2013 per la prevenzione e il contrasto alle violenze contro le donne..
“Di fronte alla recrudescenza dei femminicidi, che sono solo la punta dell’iceberg dei maltrattamenti e delle prevaricazione di genere – delinea l’assessore – non basta potenziare le strutture di accoglienza e assistenza alle donne. Dobbiamo sostenere le donne che hanno il coraggio di riconoscere e di denunciare comportamenti violenti, ma, prima ancora, dobbiamo lavorare di più e meglio per promuovere una cultura del rispetto reciproco tra generi, che sia universale e condivisa da tutti, indipendentemente da nazionalità, provenienza, appartenenza religiosa o reddito. Dagli esperti e dai professionisti che siedono al tavolo regionale – conclude l’assessore indicando i prossimi obiettivi di lavoro – ci attendiamo indicazioni e proposte per intervenire, con ancora maggiore efficacia, nelle scuole, nei servizi, nei luoghi di lavoro per promuovere il rispetto della dignità della donna, ad ogni età ed in ogni condizione, e contrastare fenomeni di subalternità o dipendenza fisica, emotiva, psicologica o economica che inducono le donne a subire in silenzio”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...